Questo sito fa uso di cookies, tecnici e di terze parti, per garantire la migliore esperienza d'uso per l'utente. Chiudendo questo banner o proseguendo la navigazione acconsenti all'utilizzo di cookie tecnici.
Per rimuovere il banner ed accettare l'utilizzo di cookie di terze parti clicca su Accetto.
Per saperne di più consulta l'informativa cookies

Logo

Amministrazioni Condominiali


Lido Adriano - Ravenna

navigazione Barra di Navigazione:  Home  −> Libretto Della Casa  −> Pagina 6
sincronizzazione Ultimo Aggiornamento: N.D.
Login
Accesso Area Riservata
Demo
Accesso Area Demo
 
QualitÓ
Riforma del Condominio
Amministrazioni Condominiali Srl
Via Marco Valerio Marziale, 13
48122 Lido Adriano (RA) - Italy
P.IVA: (IT)05351180483

Informativa Privacy
Informativa Cookies
 

12. Classificazione energetica

La Classificazione Energetica è stata suddivisa in sette livelli (classi):

A Colore Verde = Positivo
B Colore Verde = Positivo
C Colore Verde = Positivo
D Colore Giallo = Stand-by
E Colore Rosso = Negativo
F Colore Rosso = Negativo
G Colore Rosso = Negativo

Questo significa che se il Certificato di Classificazione Energetica sale verso il colore verde potremo avere sgravi fiscali. Al contrario verso il colore rosso saremo penalizzati.
A titolo esemplificativo proviamo ad elencare gli interventi necessari affinché la casa possa diventare di classe A:

  1. isolare la casa con apposito cappotto, cioè le pareti laterali esterne ed interne, il soffitto, il tetto ed il pavimento a piano terra
  2. installare finestre termo isolanti a taglio termico certificate ISO
  3. installare vasche di recupero acqua piovana o metodi similari, per alimentare le cassette di scarico dei water
  4. installare impianti di riscaldamento a pavimento (bassa temperatura)
  5. installare caldaie a condensazione ad alto rendimento
  6. installare pannelli solari termici per la produzione di acqua calda sanitaria
  7. creare un "nodo termico", che consiste nell'installazione di un serbatoio di almeno 200 litri di acqua sanitaria con al proprio interno tre (3) serpentine di scambio di cui:
     
    • una a livello superiore collegata con la caldaia e l'impianto di riscaldamento
    • una a livello inferiore collegata a pannelli solari termici
    • una mediana (in centro) collegata con fonti energetiche alternative, tipo termocamini, termo stufe a pallets, oppure pompa di calore geotermica; quest'ultima rappresenta la "novità" in quanto tale macchina non è altro che un frigorifero con funzionamento inverso; premesso che il frigorifero o pompa di calore non producono caldo o freddo direttamente, ma indirettamente, trasferendo il caldo da una parte o l'altra a nostra convenienza, tramite un circuito chiuso formato da due griglie che noi chiameremo la prima di compressione e la seconda di espansione, collegate tra di loro, in basso da un compressore ed in alto da una valvola di pressione; nell'interno del circuito chiuso troveremo un liquido chiamato gas freon che ha la proprietà di riscaldarsi in fase di compressione e di raffreddarsi in fase di espansione; con questo concetto il frigorifero si raffredda perché il caldo presente nel suo interno viene trasferito all'esterno tramite le due griglie sopra dette; questo concetto inverso lo applicheremo nella geotermia e cioè con una pompa di calore di potenza circa un Kw siamo in grado di trasferire il caldo presente in misura costante nel sottosuolo all?interno della nostra casa in misura tripla rispetto al consumo iniziale; quindi la resa è quasi tre volte rispetto all'energia consumata; naturalmente tutto dipenderà dalla temperatura presente nel sottosuolo.
  8. Come ultima risorsa si possono installare pannelli solari fotovoltaici per la produzione di energia elettrica in scambio con l?Enel, al fine di compensare la mancata realizzazione (per cause tecniche) di qualcuno degli interventi sopra citati; e questo perché sembra che la legislazione in corso prenda in esame, soprattutto per i fabbricati vecchi, la compensazione fra i vari interventi

Indietro     Avanti

Valid XHTML 1.1 Transitional   Valid CSS!
Made in 2011 by Alfredo Marchini